Pensione di Reversibilità

Pensione di reversibilità.

Il 31 dicembre 2007, nel decreto-legge n. 248, è stata inserita all’art. 46 la norma che permette anche ai disabili che lavorano di non perdere il diritto alla pensione di reversibilità.

Il decreto-legge è in vigore al 31/12/2007, ma si attende dal Parlamento la conversione in legge entro i primi 2 mesi del 2008, pena la sua decadenza.

La nostra associazione si è impegnata a far presente la dilemma che vivono molti genitori di ragazzi con Sindrome di Down finita la scuola; infatti devono scegliere se inserirlo nel mondo del lavoro dandogli la possibilità di avere un’occupazione e uno stipendio che però non basterà come sostegno economico perchè solitamente sono lavori part-time e con una bassa retribuzione, oppure farlo dichiarare inabile e garantirgli la pensione di reversibilità dei genitori.

Tale riforma era inserita in una Proposta di Legge per la quale nel 2000 Vivi Down e altre Associazioni hanno presentato in Senato ben 98’000 firme raccolte. Da allora si è cercato di inserire la norma sulla pensione di reversibilità nelle diverse leggi finanziarie.

Quest’anno sembrava che la norma fosse inserita nella legge finanziaria per il 2008, ma all’ultimo momento è stata stralciata dal testo. Non ci siamo dati per vinti e ci siamo attivati con il Coordinamento delle Associazioni delle persone con Sindrome di Down per scrivere una lettera a Prodi, poi inviata ai giornali come comunicato stampa.

Attendiamo la conversione in Legge da parte del Parlamento per dare tutte le delucidazioni.

On gennaio 10th, 2008, posted in: Area Diritti, News, Prima_pagina by